//
Stai leggendo...
Attualità, Cultura

Zurigo. Lo studioso librizzese Tindaro Gatani presenta il suo volume “Zurigo vista dagli italiani”

Tindaro Gatani mentre consegna il quadro dipinto dal pittore pattese Michele Spadaro per la copertina di Zurigo vista dagli Italiani.

Tindaro Gatani mentre consegna il quadro dipinto dal pittore pattese Michele Spadaro per la copertina di Zurigo vista dagli Italiani.

Lo studioso librizzese Tindaro Gatani continua a riscuotere successo e apprezzamenti per l’alto valore della sua ricerca storica soprattutto all’estero. Ultimo evento in ordine cronologico che ha avuto come protagonista Gatani, la presentazione del suo volume Zurigo vista dagli Italiani (Arti grafiche palermitane, Palermo 2013, pp. 156) tenutasi nella splendida cornice della Musiksaal del municipio di Zurigo. A presentare l’autore e il volume è stato lo stesso sindaco della città Corine Mauch, che ha avuto parole di elogio per l’iniziativa e ha colto l’occasione per ricordare gli stretti rapporti, che hanno sempre legato e legano Zurigo con l’Italia. Il volume è un’antologia di scritti di grandi Italiani che, nel corso dei secoli, hanno vistato la città della Limmat o vi hanno soggiornato per qualche tempo. La lunga lista si apre con Benvenuto Cellini che, nel corso del suo viaggio verso Parigi nel 1537, trovò Zurigo “bella e pulita quanto un gioiello” e con il nobile bolognese Ascanio Marso che nel 1558, ci parla degli usi, dei costumi e dell’economia della città, le cui vie “era sempre purgate da ogni immondizia”. A far luce sulla Zurigo del Sei e del Settecento troviamo poi le relazioni degli inviati speciali della Serenissima Repubblica di Venezia, Giovanni Battista Padavino e Vendramino Bianchi. E ancora quelli del cardinale Angiolo Querini vescovo di Brescia, del riminese Aurelio de’ Giorgi Bertola e di Alessandro Volta, che ebbero modo di ammirare le biblioteche e i gabinetti scientifici della città. Non potevano poi mancare i capitoli dedicati alle avventure amorose di Giacomo Casanova che qui, in fuga da potenti nemici si nascose, cambiando il suo nome in Cavaliere di Saintgalt, trascorse la primavera del 1760. Molto interessanti, per conoscere meglio la città nel corso dell’Ottocento, sono gli scritti di Ugo Foscolo, primo profugo del Risorgimento italiano, e quelli più approfonditi di Francesco De Sanctis, primo professore di letteratura italiana al locale Politecnico Federale. L’antologia prosegue quindi con, tra gli altri, Gabriele d’Annunzio, Diego Valeri, Mario Soldati, Aldo Buzzi, Guido Morselli, Piero Chiara, Alberto Mondadori, Franco Fortini, Leonardo Sciascia e Luigi Malerba e con la riproduzione integrale di due articoli di Eugenio Montale pubblicati sul Corriere della Sera nel maggio 1947. Nella prima corrispondenza, presentando ai lettori la Zurigo Crocicchio d‘Europa, si chiede: „Qui si incontrano genti e linguaggi d’ogni provenienza; ma che avverrà quando cesserà lo stato d’alta emergenza economica che ancora frena ogni impulso?“.  La seconda ha per titolo: “Non c‘è angoscia esistenziale nella sana anima di Zurigo”. Un posto importante è riservato anche agli Italiani immigrati, che a Zurigo hanno dedicato loro scritti come Siro Angeli, Alida Airaghi, Carlo Liberto e Rosanna Ambrosi. L’autore ha concluso la presentazione del volume cono lo stesso tema di come l’aveva aperta, con scritti di italiani che ammirano soprattutto l’ordine e la pulizia della città, citando gli articoli di Paolo Giovanelli che, su Il Giornale, allora diretto da Indro Montanelli, si è occupato dell’introduzione, il 1° gennaio 1991, dei sacchi della spazzatura e con quelli usciti in questi giorni su Il Mattino di Napoli a cura di Gigi Di Fiore sui vantaggi della raccolta differenziata e sull’importanza e rilevanza anche economica degli inceneritori in funzione a Zurigo da alcuni decenni. Per l’occasione, Tindaro Gatani ha donato al sindaco Corine Mauch alcune sue pubblicazione sulla città e l’originale del quadro dipinto dal pittore Michele Spadaro di Patti (ME) per la copertina di Zurigo vista dagli Italiani.

Salvatore Pantano

Vi proponiamo una galleria di immagini dedicate all’evento

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Informazioni su Salvatore Pantano

Giornalista e studente di lettere moderne. Lavoro nella redazione dell'emittente messinese OndaTV dove mi occupo prevalentemente di cronaca, politica, cultura ed eventi. Collaboro con il quotidiano Gazzetta del Sud e altri periodici locali. Blogger per passione dai tempi del liceo.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Contatore

  • 70,022 visite

MEDIA PARTNER

Iscriviti e riceverai una e-mail ogni volta che questo sito verrà aggiornato con nuove notizie.

Segui assieme ad altri 13 follower

Aggiornamenti Twitter

Archivio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: